ADG-18 Elezioni

Documents from [1948] to [1952]

Identity Statement

Reference Code
ADG-18
Reference Archivists

Andrea, Becherucci; Gherardo, Bonini; Ruth, Meyer

Context

Administrative and Biographical History

La presente serie raggruppa i documenti che fanno riferimento alla riforma del Senato e sopratutto alle elezioni del 18 aprile 1948 che sanciscono la vittoria della DC contro il Fronte popolare delle sinistre e che ancorano definitivamente l’Italia al campo occidentale. La campagna elettorale del 18 aprile mette in evidenza alcune scelte di campo fondamentali: per gli Stati Uniti o per l’Unione Sovietica, per la Chiesa o per il bolscevismo ateo. Essa si svolge in un’atmosfera da guerra civile imminente. Il problema degli aiuti americani in grano, carbone e medicinali appare in filigrana come uno degli argomenti messi sul tappeto dai sostenitori dell’alleanza occidentale. L’intervento di Washington nella campagna elettorale é massiccio: il giorno 8 marzo il National Security Council emana una direttiva secondo cui in caso di affermazione legale alle elezioni del partito comunista in Italia é opportuno stabilire con le forze clandestine anticomuniste presenti nel paese “una pianificazione militare congiunta che comporti azioni scelte e la fornitura di assistenza finanziaria sotto forma di armamenti”. La Chiesa dà, da parte sua alle elezioni del 18 aprile il carattere di una crociata religiosa. Pio XII esorta i “cattolici sinceri” a votare i candidati “che offrono garanzie sufficienti alla salvaguardia dei diritti di Dio e delle anime, per il bene più grande degli individui, delle famiglie e della società secondo la legge divina e la morale cristiana. Mons. Schuster, Arcivescovo di Milano, non esita a consigliare ai sacerdoti di rifiutare l’assoluzione ai parrocchiani che daranno il loro voto ai comunisti. I comitati civici di Gedda si impegneranno a fondo nella battaglia. Quanto alle sinistre riunite nel Fronte popolare, sono pronti a rispondere con le armi conservate da molti parigiani dopo il 25 aprile ad ogni tentativo di colpo di Stato che possa venire dalle forze moderate e dalle destre. Le elezioni si chiudono con una vittoria schiacciante della DC che ottiene 12.741.000 voti, sfiorando con il 48,5% la maggioranza assoluta e ottenendo la maggioranza assoluta dei seggi alla Camera, 305 su 574. I risultati sono simili al Senato dove la Dc ottiene 131 seggi contro 72 andati al Fronte popolare.

Content and Structure

Abstract

La serie comprende da una parte note e lettere autografe di De Gasperi sulla riforma del Senato nel 1951-1952 e sull’operazione Sturzo per le elezioni amministrative romane, dall’altra rassegna stampa, manifesti elettorali, caricature e volantini relativi alla campagna elettorale del 18 aprile 1948.

Conditions of Access and Use

Access Conditions

Il fondo è aperto alla consultazione.
La procedura per la consultazione è la seguente: inviare una richiesta scritta agli Archivi Storici dell’UE specificando quali fascicoli si vorrebbero consultare. Se la richiesta di consultazione è fatta da un dottorando, si prega presentare la lettera del professore con la sintesi del progetto di ricerca. Gli altri interessati sono pregati di inviare un CV e/o la bibliografia delle sue pubblicazioni.
Gli Archivi trasmetteranno la richiesta alla Fondazione Alcide De Gasperi di Roma e, dopo averne ricevuto il consenso, il materiale richiesto sarà consultabile presso la sala di lettura degli Archivi sotto forma digitale.
L’utente sarà informato sull’esito della sua richiesta tempestivamente dagli Archivi stessi. Il consenso darà diritto alla consultazione delle copie digitali dalle quali si potranno unicamente prendere appunti.
Gli utenti sono pregati di contattare gli archivi almeno due settimane prima della loro programmata visita.

Languages

Italian

Allied Materials

Icon loader 2acdb8e0a67b493326602c36dfafc6d676b5f427ed73ffa83db703a5365dd0fa
This website requires Javascript to be Activated to work Correctly